COME ARRIVARE

In auto:

Per raggiungere Santa Maria al Bagno da nord occorre percorrere l'autostrada fino a Bari, poi seguendo la superstrada SS16, SS379, SS613, si raggiunge Lecce; da qui si prosegue per via Lequile/SS101 per 25,3 km, quindi si imbocca l'uscita Galatone verso Santa Maria al Bagno, poi si svolta a sinistra in SP90 e si giunge a destinazione.


In treno:

I treni delle ferrovie dello Stato a Lecce e provincia, nonché in Puglia, sono quelli del sud est, giunti a Lecce si deve ricorrere ad un collegamento locale offerto dal servizio per i soli mesi estivi della Amministrazione provinciale leccese il sito ufficiale Salentointrenoebus o una pagina del nostro sito Salentointrenoebus, oppure tramite treno locale Ferrovie del Sud Est o sul sito ufficiale delle ferrovie fseonline, Santa Maria al Bagno però non è servita da stazione ferroviaria delle FSE.


In aereo:

Si raggiunge Santa Maria al Bagno in aereo facendo tappa a Brindisi, aeroporto di Brindisi Casale, da qui esiste un Servizio navetta fino al terminal di Lecce; da Lecce si raggiungono altre località con Salentointrenoebus che è il servizio per i mesi estivi messo a disposizione dalla Provincia di Lecce per raggiungere facilmente le località, specie quelle turistiche e costiere, o con treni e pullman sud est, o con il servizio taxi Trasporti nel Salento.
 

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.


 

 S. Maria al bagno

Santa Maria al Bagno è una graziosa frazione del comune di Nardò nella provincia leccese. Si trova esattamente tra Gallipoli e Santa Caterina, vicino al promontorio di “Punta dell’Aspide”.

Il sito è d’interesse storico in quanto vi sono i resti di numerose tombe scavate nella roccia all’interno di alture, poco fuori il centro abitato. Nel 272 a. C. Santa Maria al Bagno (come tutto il Salento) fu conquistata dai romani che qui organizzarono un efficiente porto (Emporium Nauna), edifici, chiese e impianti termali. Nel XII secolo però Santa Maria, all’epoca dimora dei Cavalieri Teutonici, fu saccheggiata e distrutta dai pirati saraceni.

All’epoca della caduta di Gallipoli del 1484 fu di nuovo distrutta e saccheggiata crudelmente dai veneziani e poi in seguito anche dagli africani. Giacché le incursioni erano frequenti, i cittadini si videro costretti a trovare riparo in altri paesi vicini.

In difesa della cittadina fu eretta nel Medioevo, per volere di Carlo V, la bellissima Torre del Fiume della quale ancora oggi rimangono visibili quattro torrioni dai quali comunemente deriva la denominazione “Quattro Colonne” per la zona. La Torre del fiume era particolarmente importante perché doveva proteggere Santa Maria e la sorgente d’acqua dolce (che era ambito porto d’approvvigionamento dell’acqua per i pirati).

In seguito, attirati dalla bellezza della località, i signori di Nardò decisero di costruire qui sontuosi palazzi e ville, vicinissimi al mare ed immersi nel verde. Si realizzarono così le particolari condizioni che hanno reso Santa Maria del Bagno il fantastico borgo che appare attualmente, frutto dell’ottima commistione di aria salubre del mare e della campagna.

Il lungo mare di Santa Maria del Bagno è particolarmente suggestivo, grazie alle coste vicinissime al centro abitato, le colonne e le grandi palme vicine al mare. La località è per questi motivi molto frequentata dagli abitanti dei paesi limitrofi e dai turisti.

 

Joomla SEF URLs by Artio

anguriasound@libero.it - info@anguriasound.it

FACEBOOK

Info +39 349.5322627 - +39 392.5840703 - +39 392.9323955 - +39 334.7033619